• NIKKEI 225

    28,874.89
    -9.24 (-0.03%)
     
  • HANG SENG

    28,817.07
    +507.31 (+1.79%)
     
  • CRUDE OIL

    73.13
    +0.28 (+0.38%)
     
  • GOLD FUTURES

    1,778.60
    +1.20 (+0.07%)
     
  • DOW

    33,927.04
    -18.54 (-0.05%)
     
  • BTC-GBP

    23,941.43
    +331.63 (+1.40%)
     
  • CMC Crypto 200

    799.30
    -10.89 (-1.34%)
     
  • Nasdaq

    14,287.71
    +34.44 (+0.24%)
     
  • ^FTAS

    4,039.40
    -7.47 (-0.18%)
     

Giustizia lenta, solo 20% processi penali a sentenza in primo grado

·2-min read

Solo un quinto dei processi penali (20,5%) arriva a sentenza in primo grado. Nel 78,9% dei casi, il procedimento termina con il rinvio ad altra udienza. E la durata media del rinvio si attesta intorno ai 5 mesi per i procedimenti in Aula monocratica e 4 mesi per quelli davanti al Tribunale collegiale. Sono i dati emersi da un monitoraggio effettuato su 13.755 procedimenti in 32 tribunali italiani e riportati nel Rapporto Italia 2021 dell'Eurispes. L''Indagine sul processo penale' è stata condotta con le Camere penali, a distanza di oltre un decennio da quella effettuata nel 2008, rispetto alla quale, si legge nel Rapporto, "la ricerca evidenzia un aumento della percentuale dei rinvii ad altra udienza (+9,6%: nel 2008 la quota era del 69,3%). L’incidenza delle sentenze è scesa dal 29,5% al 20,5%".

"Per quanto concerne i procedimenti terminati in sentenza - riferisce il Rapporto Eurispes - le assoluzioni rappresentano poco meno del 30%: di questi, il 4% è rappresentato da assoluzioni ex art. 131 bis del codice penale (non punibilità per particolare tenuità del fatto). Le condanne incidono per il 43,7% delle sentenze; percentuale nettamente più bassa di quella rilevata nel 2008 (60,6%). Al contrario, risulta molto più elevata la quota relativa all’estinzione del reato: 26,5%, a fronte del 14,9% del 2008. La prescrizione è un motivo di estinzione del reato che incide per il 10% sui procedimenti arrivati a sentenza e rappresenta poco più del 2% del totale dei processi monitorati".

Nel monitoraggio effettuato dall'Eurispes, risulta "peggiorata la situazione anche per quanto riguarda i tempi di rinvio ad altra udienza che risultano ulteriormente allungati rispetto al 2008: da 139 nel 2008 a 154 giorni per i procedimenti in Aula monocratica e da 117 a 129 giorni per quelli davanti al Tribunale collegiale. L’indagine conferma, sul piano nazionale, l’inconcludenza della larga parte dei procedimenti penali e la diffusione di lungaggini ed inefficienze, che rendono ancor più farraginosa la macchina della giustizia".

Our goal is to create a safe and engaging place for users to connect over interests and passions. In order to improve our community experience, we are temporarily suspending article commenting