UK markets closed
  • NIKKEI 225

    29,161.80
    +213.07 (+0.74%)
     
  • HANG SENG

    28,842.13
    +103.23 (+0.36%)
     
  • CRUDE OIL

    71.10
    +0.22 (+0.31%)
     
  • GOLD FUTURES

    1,867.90
    +2.00 (+0.11%)
     
  • DOW

    34,393.75
    -85.85 (-0.25%)
     
  • BTC-GBP

    28,485.71
    +826.69 (+2.99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1,002.43
    +33.59 (+3.47%)
     
  • ^IXIC

    14,174.14
    +104.72 (+0.74%)
     
  • ^FTAS

    4,074.57
    +6.24 (+0.15%)
     

Ddl Zan, piazza piena a Milano per la manifestazione

·1-min read

Ha preso il via all’Arco della Pace a Milano la manifestazione a favore dell’approvazione del Ddl Zan e contro l’omotransfobia. La piazza è piena, moltissime le persone, e i partecipanti sono distanziati nel rispetto delle norme anti-Covid. La manifestazione, dal titolo ‘Tempo Scaduto’, si è aperta con un ricordo di Milva e la sua interpretazione di 'Bella ciao'. In piazza sventolano le bandiere di numerosi partiti e associazioni fra cui Pd, Cgil e i Sentinelli. Tantissimi i cartelli dell’orgoglio gay e a favore dell’approvazione della legge Zan.

"Le persone e i cittadini vogliono far sentire la loro voce e chiedere alle istituzioni di approvare una legge di civiltà" ha detto Alessandro Zan, a margine della manifestazione all’Arco della Pace. "La stragrande maggioranza delle persone vuole una legge che tuteli le persone più vulnerabili. Viviamo in una società ancora intrisa di odio, pregiudizi e discriminazione e per questo è importante dare una tutela. Questa non è una legge sulle minoranze ma contro i crimini di odio. Tutti potrebbero essere colpiti da questi crimini per questo è importante approvarla".

Il Ddl "estende la legge Mancino, che è già collaudata da 30 anni di giurisprudenza. L’istigazione all’odio è già un reato e si estenderà alla misoginia, all’omotransfobia e all’abilismo", ha continuato. Dopo la manifestazione "mi aspetto che il Senato continui la discussione della legge in modo ordinato e civile a partire dalla commissione, senza sotterfugi e ostruzionismi, senza utilizzare le prerogative di qualcuno per limitare la discussione democratica al Senato e che, come è stato fatto alla Camera, ci sia una discussione civile e franca anche al Senato".