UK markets closed
  • NIKKEI 225

    28,147.51
    -461.08 (-1.61%)
     
  • HANG SENG

    28,231.04
    +217.23 (+0.78%)
     
  • CRUDE OIL

    65.79
    +0.51 (+0.78%)
     
  • GOLD FUTURES

    1,813.90
    -22.20 (-1.21%)
     
  • DOW

    33,587.66
    -681.50 (-1.99%)
     
  • BTC-GBP

    38,750.84
    -1,813.76 (-4.47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1,472.84
    -90.99 (-5.82%)
     
  • ^IXIC

    13,031.68
    -357.75 (-2.67%)
     
  • ^FTAS

    3,986.82
    +23.84 (+0.60%)
     

Tutelare i collaboratori con la “Welfare Terapia” e rilanciare le aziende per contrastare la crisi economica. Riccardo Zanon, esperto in diritto del lavoro, nel suo ultimo libro illustra i benefici del welfare aziendale

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·4-min read

Roma, 26 aprile 2021 - Parola d’ordine Welfare aziendale. La strategia più efficace per uscire dalla crisi economica dovuta alla pandemia sta nel concentrarsi sempre di più sull’aspetto umano.

Ne è convinto l’avvocato Riccardo Zanon, esperto in diritto del lavoro, nel suo ultimo libro “Welfare terapia”, edito da Tuttowelfare, spiega come, nello scenario di crisi economica causata dal Covid, sia importante per un’azienda che vuole non solo sopravvivere, ma ripartire e continuare a crescere, puntare sui propri collaboratori, facendoli sentire protetti, in modo che possano proseguire la loro attività in totale sicurezza.

Ma quali sono i benefici del welfare aziendale? Riccardo Zanon ne individua quattro:

Beneficio economico: i vantaggi che possono ricevere i dipendenti possono essere buoni spesa, prestazioni sanitarie, rimborsi sull’istruzione dei figli. Tutto questo va a sostituire il classico aumento di stipendio. Grazie ai contributi per il Welfare definiti dalla legge di stabilità 2016, tutte queste uscite sono interamente deducibili dai costi da parte del datore del lavoro (e non più con il limite del 5 per mille come un tempo).

Beneficio organizzativo: Un piano Welfare ben congegnato migliora efficienza e produttività. Questo incrementa la fedeltà aziendale, stimola la produttività e riduce l’assenteismo. Il 32,5% delle Aziende ha riconosciuto un aumento della produttività dei dipendenti con piani aziendali di Welfare. (Rapporto 2020 di Welfare Index PMI).

Beneficio sulle nuove assunzioni: quando è necessaria una nuova assunzione, occorre essere attrattivi per accaparrarsi i dipendenti più qualificati o volenterosi e la retribuzione gioca un ruolo importante in questa fase. E’ possibile, però, anche fornire servizi e benefit. Secondo il 3° Rapporto Censis-Eudaimon sul Welfare Aziendale, il 54,4% dei lavoratori ritiene che nei prossimi anni l’attivazione di servizi, benefit e prestazioni di welfare aziendale contribuirà a migliorare la qualità della vita in azienda, il clima aziendale e la soddisfazione dei lavoratori.

“Quest’ultimo dato è molto importante perché significa, in altre parole, che i lavoratori migliori andranno a lavorare più facilmente dove i loro bisogni, legati NON SOLO alle retribuzioni, saranno meglio colmati! Spiega Zanon.

Beneficio sull’immagine aziendale: Un piano Welfare creato per migliorare la vita dei propri dipendenti rende l’immagine dell’azienda positiva e affidabile.

“Il concetto di reputazione è centrale in tutti gli aspetti del mercato, dall’acquisizione di clienti, al rapporto con i fornitori, alle relazioni con gli enti pubblici e privati e nella gestione della motivazione del personale.” - spiega Zanon. Secondo il rapporto 2020 di Welfare Index PMI il 38,7% degli intervistati ritiene che il Welfare incrementi positivamente l’immagine e la reputazione di un’azienda.

Dunque l’impresa può essere percepita dai dipendenti come una “comunità” dove essere ascoltati e aiutati concretamente. Al contrario, trascurare il welfare aziendale, considerandolo uno spreco di risorse economiche può essere un errore molto grave che potrebbe compromettere la stessa esistenza dell’impresa.

Scheda del libro

Titolo: Welfare Terapia

Autore: Riccardo Zanon

Pagine: 93

Abstract del libro

Durante l’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese, molte aziende hanno trascurato il welfare aziendale, considerandolo un mero spreco di risorse economiche. In questo libro Riccardo Zanon spiega come, soprattutto in momenti di crisi, il welfare aziendale debba essere al centro dell’organizzazione. Permette, infatti, di gratificare i dipendenti e li fa sentire protetti, nonché – per esempio, in epoca di Covid-19 – consente di far proseguire l’attività in totale sicurezza.

Servizi come la palestra online, il maggiordomo aziendale e il tanto screditato trasporto collettivo sono tornati alla ribalta proprio in questa nuova era di incertezze. Tuttavia, per riuscire a godere dei vantaggi che il welfare aziendale offre è necessario affiancarlo alla giusta attività di comunicazione per non rischiare di creare l’effetto opposto: dipendenti scontenti o frustrati. Ecco perché non bisogna dimenticare che “il welfare aziendale è comunicazione!”.

Informazioni sull’autore

Riccardo Zanon, avvocato e titolare di uno studio di consulenza sul lavoro, offre risposte e consigli, anche attraverso canali social, in merito a Diritto del Lavoro, Risorse Umane e Welfare Aziendale. Nel 2019 ha auto pubblicato Welfare aziendale, tutti i segreti che nessuno ti ha mai svelato per far crescere il fatturato e avviato Imprenditore Sereno un progetto e uno spazio fisico e virtuale in cui proporre incontri di formazione e informazione per imprenditori.

Ufficio stampa

Alessandro Maola

T. 3392335598

info@alessandromaola.it