UK markets closed
  • FTSE 100

    7,129.71
    +53.54 (+0.76%)
     
  • FTSE 250

    22,775.28
    +283.92 (+1.26%)
     
  • AIM

    1,262.60
    +9.91 (+0.79%)
     
  • GBP/EUR

    1.1495
    -0.0015 (-0.13%)
     
  • GBP/USD

    1.3990
    +0.0098 (+0.70%)
     
  • BTC-GBP

    42,364.77
    +1,246.64 (+3.03%)
     
  • CMC Crypto 200

    1,480.07
    +44.28 (+3.08%)
     
  • S&P 500

    4,232.60
    +30.98 (+0.74%)
     
  • DOW

    34,777.76
    +229.23 (+0.66%)
     
  • CRUDE OIL

    64.82
    +0.11 (+0.17%)
     
  • GOLD FUTURES

    1,832.00
    +16.30 (+0.90%)
     
  • NIKKEI 225

    29,357.82
    +26.45 (+0.09%)
     
  • HANG SENG

    28,610.65
    -26.81 (-0.09%)
     
  • DAX

    15,399.65
    +202.91 (+1.34%)
     
  • CAC 40

    6,385.51
    +28.42 (+0.45%)
     

Caso Cucchi, difesa carabinieri: "Morto non per pugni ma per medici"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1-min read

“Nessuno nega che ci sia stato un pestaggio, ma non è stato così violento. Stefano Cucchi non è stato ucciso per i ceffoni o pugni. Le persone che lo hanno lasciato morire sono stati i medici attraverso negligenze ed omissioni, chi ha sbagliato ha pagato penalmente e civilmente con un risarcimento”. Lo ha detto l’avvocato Antonella De Benedictis, difensore del carabiniere Alessio Di Bernardo, in aula al processo di Appello in cui è imputato di omicidio preterintenzionale per il pestaggio di Stefano Cucchi, morto nel 2009.

Per Di Bernardo e per il carabiniere Raffaele D’Alessandro (condannati in primo grado a 12 anni) il pg Roberto Cavallone ha chiesto una condanna a 13 anni di carcere. Chiesti inoltre una condanna a 4 anni e 6 mesi per il maresciallo Roberto Mandolini (condannato in primo grado a 3 anni e mezzo) e l’assoluzione dall’accusa di falso per Francesco Tedesco.

“Dire che Di Bernardo lo ha massacrato di botte non è giusto. Ci sono stati degli schiaffi e forse una spinta che ha fatto cadere Cucchi - ha aggiunto il difensore - Chi lo ha fatto ha sbagliato e deve pagare, ma non è stato un violento pestaggio. Di Bernardo è una brava persona, un padre di famiglia, un carabiniere pluridecorato: nessuno ha ucciso di botte Cucchi”.